bottone02_b

Fermiamo il traffico di esseri umani: la vita non è in vendita

Una persona su sette, al mondo, è un migrante: uomini e donne si spostano verso regioni o paesi che offrono loro l’aspettativa di un futuro dignitoso per sé e per i propri figli. Povertà, insicurezza e la mancata tutela del diritto ad una migrazione sicura sono all’origine del traffico di esseri umani, un crimine contro la persona che colpisce principalmente donne e minori. Giunti nel paese di destinazione, i migranti vengono ridotti in schiavitù e sfruttati.

Cliccando sull’immagine seguente puoi visualizzare in un’infografica tutti i dati sul fenomeno.

INFOGRAFICA_trafficking_2017_Mani_Tese_Taglio

UN BAMBINO CHE LAVORA E' UN BAMBINO POVERO

I bambini costretti a lavorare lo fanno a discapito della loro salute, del loro sviluppo, della loro libertà e del loro benessere. Un bambino che lavora sarà destinato a diventare un adulto povero a rischio di emarginazione. Sostieni la campagna